ARTE E SCULTURA DEL VETRO

MARIANO CARRARA

Stacks Image 110
Mariano Carrara nasce a Credaro (BG) nel 1954,dopo aver conseguito il diploma presso l’Istituto Tecnico di Monza, studia privatamente pittura e scultura. I primi anni della sua carriera sua sono dedicati alla pittura e successivamente alla scultura .
E' però nel 1988 che nasce in lui la grande passione per il vetro, grazie all’incontro con il maestro americano Narcissius Quagliata
di cui divenne l’allievo; nel 1990 segue un corso col maestro del vetro soffiato Massimo Lunardon. Il suo primo studio viene
aperto nel 1991 a Bergamo, è qui che Mariano Carrara crea le sue prime sculture in vetro fuso in stampo.
Nel 1992 inizia la sua ricerca sul cromatismo nella scultura e
dopo aver lavorato con il grande maestro muranese Pino Signoretto inizia a lavorare sulle grandi superfici, e nel 1997 torna di nuovo
a Murano per studiare nuove tecniche di fusione in stampo
con i maestri giapponesi Shinichi e Kimiad Hicuchi.Tuttora lavora
nel suo studio laboratorio di Castelli Calepio (BG) sperimentando sempre con entusiasmo nuove tecniche di sculture in vetro.

Stacks Image 123

Sono trascorsi quasi tre lustri da quando ho conosciuto Mariano con il quale ho collaborato per la realizzazione di numerose e complesse opere. E’ stato un incontro importante che mi ha per messo di introdurmi nel magico mondo dell’arte del vetro . Ho apprezzato in lui la passione, la professionalità, la serietà
dell’uomo tutto d’un pezzo,con le sue utopie,rigettando la visione di un mondo spesso qualunquista e privo di valori etici, morali e sociali.La sua continua ricerca di soluzioni innovative
e materiche lo rende attuale e proiettato nel futuro,nonostante le difficoltà nel trovare uno sbocco commerciale. Lo distinguono generosità verso il sociale, con realizzazione di atelier formativi e la volontà di stimolare le nuove generazioni all’incontro con l’arte del vetro e altre forme d’arte.Un plauso all’artista Mariano: l’arte è la libertà senza lacci e lacciuoli, ma anche contaminazione tra arte e vita.

L’amico EGIDIO SARTORI